… immagino l’ANCL come una prateria di cose da fare. Senza condizionamenti, ma con le collaborazioni utili allo sviluppo della professione…

dal discorso di insediamento del Presidente pro tempore Dario Montanaro

SCOPRI LA CARTA

PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA CARTA DEI SERVIZI

Il Direttivo ANCL ha definito la “Vision” e la “Mission” dell’Associazione, per tracciare il punto di arrivo e la strada da intraprendere per realizzare gli obiettivi fissati, con unità di intenti e con tensioni operative correttamente orientate.

La “Vision” rappresenta il “sogno dell’Associazione”: cosa vogliamo diventare in un prossimo e ben definito futuro? La Vision è l’obiettivo finale e più elevato che vogliamo raggiungere nel lungo termine.

VISION

L’ANCL è una libera associazione di professionisti dell’area economico giuridica che intende creare e mantenere nel tempo le migliori condizioni di lavoro per i propri associati, agendo sul sistema economico, legislativo e burocratico. Con la propria attività vuole arrivare a dare all’associato:

  • più voce nei consessi legislativi e burocratici;
  • più sicurezza nelle scelte quotidiane di lavoro;
  • maggior valore e conoscenza alla professionalità dell’associato;
  • maggiori ambiti di lavoro;
  • massima tutela delle prerogative proprie di chi ha scelto la professione di Consulente del Lavoro.

I valori per cui l’ANCL combatte sono la libertà a tutti i livelli, la correttezza nei rapporti tra cittadino-stato-amministrazione pubblica, il rispetto per i ruoli e la legge, la lealtà e la trasparenza nei rapporti commerciali e professionali.

L’ANCL esiste e lavora affinché ogni Consulente del Lavoro possa lavorare in un ambiente legislativo sereno e rispettoso delle norme, nonché al riparo da azioni di concorrenza sleale.

La Mission è la “dichiarazione di intenti” su come gli obiettivi particolari e strategici debbano essere realizzati “di giorno in giorno”; è un focus sul presente e sugli aspetti più pratici delle attività associative, sulla direzione che si vuole imprimere a ciascuna di esse e sui soggetti verso i quali ogni azione deve essere rivolta.

MISSION

L’ANCL è un’associazione che i Consulenti del Lavoro hanno voluto FORTE, UNITARIA e COESA per poter essere voce autorevole in tutti gli ambiti legislativi e giudiziari a tutela dei diritti degli associati e dei cittadini tutti.

Beneficiano dell’attività dell’ANCL in primo luogo gli associati, ma anche tutti i Consulenti del Lavoro, le imprese e i cittadini da questi seguiti o per i quali l’ANCL conduce azioni di tutela e di giustizia.

Beneficiano dell’attività dell’ANCL anche gli Istituti e gli Enti statali e parastatali ai quali l’ANCL rivolge richieste di miglioramento per un’azione più efficace e il raggiungimento puntuale dei loro scopi.

Beneficiano dell’azione dell’ANCL il Legislatore e i cittadini tutti grazie all’attività di aiuto nella formazione e interpretazione della normativa specifica relativa alle attività del Consulente del Lavoro.

Caratteristica distintiva dell’ANCL è la sua unitarietà nel mondo dei sindacati di Categoria; questa peculiare caratteristica consente di agire su tutti gli organismi della categoria creando squadre di dirigenti che lavorano coesi e con unità di intenti per il bene della categoria.

L’ANCL raggiunge i propri obiettivi grazie a una direzione snella con importanti facoltà operative, per la propria capacità di essere altamente rappresentativa di tutti gli associati del territorio e per la propria azione strettamente legata alle istanze e ai bisogni della propria base.

L’ANCL si dota periodicamente di specifici obiettivi concreti, misurabili e realistici per arrivare, con l’attività di ogni giorno, passo dopo passo, alla creazione dell’ambiente ideale declinato nella “Vision” associativa.

I progetti specifici attualmente in corso sono delineati nella “Carta dei Servizi”.

Per la realizzazione e lo sviluppo dei servizi l’ANCL ha in atto uno specifico programma operativo delineato dal Presidente Dario Montanaro a inizio consigliatura. Ne riportiamo i tratti essenziali che evidenziano gli obiettivi specifici di lavoro.

“PER UN’ANCL IN CUI CREDERE”

Punti centrali del programma e linee programmatiche presentate da Dario MONTANARO al Congresso elettivo del 2016:

  • curare gli interessi degli associati e promuoverne le molteplici capacità professionali;
  • sviluppare il concetto associativo espresso come comunità sociale ed economica, tesa anche a tutelare gli interessi professionali dei Consulenti del Lavoro e a sviluppare percorsi di acquisizione di nuovi mercati;
  • costruire un sistema di analisi e approfondimento dei fenomeni economici e sociali ed elaborare politiche di intervento da suggerire alle Istituzioni, al Governo e ai partiti politici, anche al fine di realizzare migliori performance di tutto il sistema paese;
  • impegnare gli organismi di categoria per il raggiungimento di nuovi obiettivi tesi alla tutela e al riconoscimento della funzione professionale dei Consulenti del Lavoro, che possano tradursi in adeguate disposizioni normative;
  • strutturare un efficace sistema di rapporti con le strutture periferiche che consenta di fornire supporto al territorio, sia per migliorare i risultati associativi, sia per affermare la funzione associativa sindacale sul territorio;
  • rafforzare il rapporto con le diverse strutture territoriali dell’Associazione;
  • creare nuovi strumenti e metodologie di marketing associativo;
  • assumere posizioni forti e di contrasto a tutela dell’operato dei professionisti Consulenti del Lavoro.

La carta dei servizi enuncia i quattro principi fondamentali che improntano l’azione operativa dell’ANCL:

  • Uguaglianza;
  • Partecipazione;
  • Efficienza ed Efficacia;

Con il principio dell’uguaglianza l’ANCL intende garantire a tutti gli associati il diritto di usufruire dei servizi messi a disposizione in maniera imparziale ed egualitaria. Non deve esistere, pertanto, alcuna ingiustificata discriminazione e tutti i servizi e le opportunità devono essere erogati secondo il principio dell’uniformità. I comportamenti dei soggetti che erogano il servizio nei confronti dell’associato saranno quindi improntati a criteri di obiettività, giustizia e imparzialità.

Il principio di partecipazione garantisce all’associato il diritto alla prestazione e alla puntuale erogazione del servizio. L’associato è parte attiva dell’Associazione e, pertanto, verrà richiesta periodicamente una valutazione dei servizi ricevuti.

Il principio dell’efficienza ed efficacia stabilisce che i servizi resi nei confronti degli associati siano finalizzati al raggiungimento degli obiettivi attraverso l’ottimizzazione del tempo e delle risorse impiegati. Il principio della riservatezza impone di mantenere stretto riserbo sulle attività svolte e le informazioni acquisite durante l’erogazione dei servizi. L’associato avrà, quindi, la possibilità di poter esprimere liberamente le proprie idee e le proprie istanze avendo garanzia di riservatezza in merito.

PRESENTAZIONE DELL’ASSOCIAZIONE E DEGLI ENTI DI RIFERIMENTO

L’Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro (ANCL) è il sindacato unitario di categoria. Costituita il 28 luglio 1953, da allora rappresenta gli interessi professionali e sindacali degli associati e della categoria in genere, anche attraverso la valorizzazione dell’immagine e delle competenze dei propri soci. In base allo Statuto la struttura organizzativa ha la seguente articolazione:

Organi Nazionali

  • Congresso Nazionale, Consiglio Nazionale, Presidente Nazionale, Ufficio di Presidenza Nazionale
  • Collegio nazionale dei Sindaci Revisori e Collegio dei Probiviri

Organi Regionali

  • Assemblea generale Regionale, Presidente Regionale, Consiglio Regionale
  • Collegio Regionale dei Sindaci Revisori e Collegio dei Probiviri

Organi Provinciali

  • Assemblea Provinciale degli Associati, Consiglio Provinciale, Presidente Provinciale

L’ANCL svolge la propria attività in sinergia con tutti gli Organismi di categoria.

I vertici di ogni organismo di categoria sono, ad oggi, espressione di liste presentate dall’ANCL in qualità di sindacato forte e unitario.

L’ANCL, attraverso i propri associati e delegati, collabora per il corretto funzionamento degli organismi di categoria e per il raggiungimento degli scopi unitari di categoria, con:

  • Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro – Ente di diritto pubblico preposto alla gestione e vigilanza delle attività professionali dei Consulenti del Lavoro;
  • Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza dei Consulenti del Lavoro – Ente di diritto pubblico preposto alla gestione della previdenza ed assistenza dei Consulenti del Lavoro;
  • Fondazione Studi Consulenti del Lavoro – Ente gestito dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro avente fini di informazione scientifica e tecnica per i consulenti del lavoro;
  • Fondazione Consulenti per il Lavoro – Ente gestito dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro avente fini strumentali alle attività specifiche di collocamento, ricollocazione, formazione e politiche attive;
  • Fondazione Universo Lavoro – Ente gestito dall’ENPACL e avente finalità di creazione e gestione delle risorse tecnologiche ed informatiche a supporto dell’attività dei Consulenti del Lavoro.

Attraverso la presenza dei propri delegati negli organi direzionali degli enti sopra indicati l’ANCL contribuisce a garantire la crescita professionale e la massima tutela sia dei propri associati che dei Consulenti del Lavoro tutti, con fine ultimo quello di rendere sempre più forte e prospera l’intera categoria.

DESTINATARI DELLA CARTA DEI SERVIZI

La Carta dei Servizi è stata pensata quale strumento utile per tutti gli associati.

Grazie alla Carta dei Servizi tutti gli associati saranno costantemente aggiornati e informati sulle attività svolte dall’ANCL. Gli organi territoriali avranno un valido strumento da consultare facilmente, per svolgere la propria attività sindacale a livello locale in sintonia e continuità con gli obiettivi nazionali, ma potranno anche prendere spunto da essa per mette in campo nuove iniziative a beneficio dei propri iscritti.

Proprio per questo motivo la carta dei servizi verrà revisionata periodicamente in linea con l’andamento dell’attività progettuale e programmatica nazionale. Non sarà, quindi, un mero strumento statico di consultazione, bensì un punto di riferimento in costante aggiornamento e al passo con le iniziative e le attività progettuali più recenti.

Gli organi dell’ANCL attraverso i quali l’associato può far valere quanto enunciato nella presenta Carta dei Servizi sono:

  • il Presidente Nazionale;
  • l’Ufficio di Presidenza;
  • il Collegio dei Revisori;
  • il Collegio dei Probiviri;
  • la Struttura della Segreteria Nazionale;
  • il Presidente Regionale per ogni Regione d’Italia;
  • il Consiglio Regionale per ogni Regione d’Italia;
  • i Revisori ed i Probiviri Regionali per ogni Regione d’Italia;
  • il Presidente dell’Unione Provinciale per ogni provincia d’Italia;
  • il Consiglio Direttivo dell’Unione Provinciale per ogni provincia d’Italia;

i Revisori Provinciali per ogni provincia d’Italia.

PARTECIPAZIONE DELL’ASSOCIATO

La Carta dei Servizi, oltre a fornire le informazioni utili agli associati sull’attività svolta dall’ANCL, definisce anche gli ambiti nei quali gli associati possono essere parte attiva della vita sindacale e associativa, attraverso la partecipazione diretta a gruppi di lavoro finalizzati alla promozione di idee e alla realizzazione di progetti, sia livello nazionale che territoriale. In tal modo ogni associato non è più soltanto uno spettatore, ma diventa attore della vita di categoria.

In questo contesto di crescita personale si inserisce l’idea di realizzare una vera e propria scuola di formazione per dirigenti, che potrà conferire le adeguate competenze a chi voglia approcciarsi a questa dimensione.

OBIETTIVI E PROGETTI

A livello nazionale l’ANCL svolge una vasta attività progettuale finalizzata sia a venire incontro alle esigenze che i propri iscritti manifestano, anche per il tramite degli organi territoriali, sia per valorizzare e ampliare gli ambiti di competenza della professione di Consulente del Lavoro. Infatti, nell’ultimo decennio la nostra professione ha conosciuto un’importante evoluzione che ci ha portato dall’essere semplici addetti alla gestione del personale, all’elaborazione delle buste paga, alla gestione della contabilità e alla redazione degli adempimenti fiscali, a raggiungere sfere professionali ben più ampie. I servizi base restano ancora oggi il core business intorno al quale ruota tutta la nostra professione, ma oggi il Consulente del Lavoro è un professionista a 360°, capace di offrire alla propria clientela, siano essi aziende o privati cittadini o enti pubblici, consulenza specializzata e servizi di altissimo livello, dalle politiche attive alla consulenza previdenziale, dalla sicurezza sul lavoro alla tutela della privacy, dalla diffusione del principio di legalità all’asseverazione e alla certificazione. Il futuro, poi, ci riserverà senza dubbio ancora nuovi scenari.

L’ANCL intende essere al passo con i tempi fornendo ai propri associati gli strumenti per affrontare le nuove sfide del mercato.

Di seguito sono elencati i progetti già realizzati. Cliccando su ciascun progetto verrà aperto un approfondimento:

Progetto “Asse.co” Asseverazione contrattuale di studi, aziende;

Progetto “L’Esperto in” certificazione di riconoscimento di una preparazione specifica per particolari settori della riserva della legge 12/1979;

Progetto “La Mappatura dei nuovi lavori” attività non protette dalla riserva di legge ma in grado di sviluppare un servizio professionale in favore del mercato;

Progetto “Formazione di Neo Imprenditori” attività di Imprinting per l’avvio di nuove attività produttive;

Progetto “Servizi alle UP” informatizzazione e standardizzazione di procedure di gestione dell’associazione;

Progetto “La comunicazione commerciale della figura e dei servizi del Consulente del Lavoro” valorizzazione del brand Consulenti per il Lavoro.;

Progetto “Praticanti” sistemi per favorire l’ingresso dei praticanti e accompagnamento alla preparazione dell’esame di stato;

Progetto “Credito Sicuro” supporto per la riscossione dei crediti degli associati;

Progetto “Bilancio Sociale” evidenza sociale delle attività e delle risorse impiegate nella gestione dell’associazione.

Per l’ANCL la voce dei propri associati è fondamentale. Per questo motivo ci piacerebbe che i progetti realizzati dagli organi territoriali potessero essere messi a conoscenza di tutti e divenire modelli a cui ispirarsi. Pertanto, tra i nostri progetti futuri c’è quello di creare un network tra le varie Unioni Provinciali, al fine di condividere le iniziative messe in atto a livello locale e consentire di valorizzare i progetti migliori, diffondendone i modelli su tutto il territorio nazionale.

SERVIZI E CONVENZIONI

L’ANCL per l’erogazione dei servizi si avvale principalmente del Centro Studi Nazionale che svolge attività di ricerca, di formazione, di divulgazione e di consulenza per i propri iscritti.

Inoltre, l’Associazione ha stipulato numerose convenzioni a favore dei propri iscritti (cliccando su ciascun progetto verrà aperto un approfondimento):

Quotidiano il sole 24 ore Business Class Digital

Convenzione Hotel Caravel di Roma

TeleConsul Editore

Tecsial sicurezza e igiene del lavoro

Servizi di Patronato Unsic

Convezione CAF Cdl

Tutela Credito con One Abbrevia

Fatturazione elettronica Convenzione Centro Paghe

ASG Convenzione Noleggio Lungo Termine

Convenzione con Pegaso

Convenzione Oly Hotel di Roma

Convenzione Ristorante “Da Michele”

STANDARD DI QUALITA’

L’ANCL, costantemente impegnata nelle attività sindacali per difendere gli interessi dei propri associati, vuole misurare la soddisfazione dei propri iscritti, raccogliendo le loro opinioni attraverso questionari di valutazione e/o sondaggi in forma anonima.

L’ANCL, inoltre, consapevole del fatto che un corso di formazione non modifica soltanto competenze e abilità, ma agisce a livello più profondo, nel campo della motivazione e delle prospettive di vita professionale, intende avviare un’attività di monitoraggio sulle attività formative svolte per valutare la soddisfazione degli associati mediante interviste e/o questionari di gradimento.

La soddisfazione degli associati sarà misurata attraverso la somministrazione di uno specifico questionario di valutazione che potrà essere espressa sia per il corso nel suo complesso sia per il singolo modulo di lezioni. Il questionario di valutazione dedicato al gradimento del singolo modulo sarà compilato al termine di ogni modulo in forma anonima da ogni corsista. I partecipanti esprimeranno le loro opinioni riguardo al modulo nel suo complesso (la sua pertinenza rispetto alle aspettative, la durata oraria e ai contenuti previsti) e alla capacità del singolo docente (nella didattica, nella gestione dell’aula, nella valutazione dei risultati e nella motivazione). La valutazione di gradimento del modulo sarà organizzata in maniera tale da produrre un feedback chiaro su ogni materia.

MODALITA’ DI TUTELA DELL’ASSOCIATO

Negli archivi della segreteria Nazionale dell’Associazione sono registrati i dati personali di tutti gli iscritti, che vengono utilizzati per le comunicazioni e per lo svolgimento delle attività istituzionali dell’ANCL.

All’atto del rilascio dei propri dati, ciascuno associato sottoscrive il proprio consenso relativamente al loro trattamento, in base a quanto prescritto dal D.lgs. 196 del 30 giugno 2003 art. 13 e dal GDPR (Regolamento UE 2016/679).

Nella raccolta, nella conservazione e nell’impiego dei dati contenuti negli archivi degli iscritti gli incaricati si atterranno alle disposizioni contrattuali e di legge in materia di riservatezza, nonché a quanto prescritto dalla sopraccitata normativa.

Suggerimenti e Reclami

È possibile inviare suggerimenti e reclami all’ANCL:

  • con l’invio di una nota all’indirizzo e-mail segreteria@anclsu.com;
  • per posta all’indirizzo ANCL, Via Cristoforo Colombo, 456 – 00144 Roma (RM).

Per un riscontro rapido ed efficace, è preferibile fornire informazioni e dettagli utili anche attraverso l’invio di documentazione pertinente.

La segnalazione sarà presa in carico dall’ANCL se relativa a servizi erogati direttamente.

Alle segnalazioni prive di contenuti offensivi e complete di nominativo, indirizzo e firma del mittente sarà inviato riscontro entro 30 giorni a decorrere dal giorno di registrazione; le segnalazioni offensive e/o anonime verranno distrutte. Per situazioni complesse i tempi di risposta potrebbero essere maggiori, fermo restando il limite dei 30 giorni per un primo riscontro.

I nostri Partners

Opportunità, percorsi universitari e tanti servizi professionali grazie a loro.

Scrivici

Chiedi – I nostri Professionisti possono aiutarti

NOME *
COGNOME *
EMAIL *
NUMERO DI TELEFONO

OGGETTO

COME POSSIAMO AIUTARTI?